Magyar | English | Italiano
Eleonóra Pasqualetti

.
Artista
Copyright © Eleonóra Pasqualetti - Webdesign: http://www.muenchinfo.de/
Chiostro del XX. secolo - 175 x 50 cm/colonna
0
Il pensiero di base dei miei lavori sono gli spazi rigorosamente definiti dei chiostri medievali, che avevo accoppiato con diversi modi di comunicazione. Mentre il gobelin richiedeva meticolosità, costanza e attenzione, le altre tecniche mi aprivano le strade nuove della spontaneità, dell'immaginazione, della giocosità.

La purezza architettonica, la pace intellettuale, il silenzio spirituale delle colonne tessute dei chiostri inspirate durante i miei viaggi di studio a Roma (Chiostro del XX. secolo) mi ha indotto al sommare il passato ed il presente. Il mio chiostro invece dell'essenza del mistico diventa l'essenza del mondo minaccioso, la sua sacralità diventa un vuoto disperato. Ho cercato di concepire questa dualità nelle mie installazioni.
„Alla loro esposizione ci si trova accanto anche una colonna di ferro, per confondere definitivamente i concetti un tempo ben distinguibili del vero e dell'imitazione.”

( András Edit )
 
Anche la mostra Le Due memorie, organizzata nella Budapest Galéria (con Barbara Salvucci, 2010) porta i segni dell'esistenza centro-europea, della memoria-oblio e della distruzione. La vasca collocata al centro dello spazio espositivo è stata fatta in base ad un tavolo da lavaggio dei morti in marmo di un convento cistercense dell'Italia centrale (Lavatrinum).
L'oggetto pesante ed arrugginito voleva incarnare il vento relativo al mondo materiale e la memoria senza corpo, ingrandendo universalmente la visione del mondo senza anima.

I grandi disegni di pastello sono parte organica dell'installazione – elaborano l'argomento della separazione del corpo e dello spirito. Le migliaia di linee di pastello si trasformano quasi in uno strato leggero di tessuto, in un tessuto metaforico ed intellettuale.

0 Copyright © Eleonóra Pasqualetti 0
0
Orizzontale - Verticale, 2010, pastello, 160 x 150 cm
Nel mio lavoro dal titolo Orizzontale – Verticale le due scatole di latta sono oggetti presentati come parte convenzionale della vita. Cerca di scoprire la problematica del mondo reale stretto dai limiti e quello squilibrio che esiste tra la velocità dell'intelletto ed il goffagine della materia. Destino, ricordi, guerra... („sono sempre le madri a ripartorire gli orfani.”) La scatola trasparente è il portatore della contemplazione assoluta oltre la vita..
( * = Krisztina Tóth )
0 Copyright © Eleonóra Pasqualetti 0
0
Sputa acqua, 2010, pastello, 160 x 150 cm
L'acqua veloce scorre dritto da un corpo celeste arrabbiato, dallo sputa acqua, come se separasse con la crudeltà del destino celeste il vincitore dal vinto, il puro dall'impuro per sempre, mentre le nostre piccole azioni terrestri cadono in tanti piccoli rami, in tante piccole glorie e disonori.

spacejpg Atkeles spacejpg
0
Traversata, 2010, pastello, 135 x 148 cm
Il disegno dal titolo Traversata comprende le stazioni della metamorfosi di un altro mondo, mostrandosi nel suo irrealismo lievitante. La linea stretta – dal tessuto degli strati si delinea uno spazio sacrale tale da essere chiamato al trapasso (alla traversata) delle regioni celesti; in qualche modo in una fessura si allinea con il cosmo, per trovare il suo posto nel trascendente. La simbolica luce festiva del silenzio dell'altra sponda è accompagnata da un lampadario celeste.

0 Copyright © Eleonóra Pasqualetti 0
0
Ripetizione di tempo, 2010, pastello, 160 x 150 cm
Cerca di visualizzare l'estraneità fredda dell'eterno non concepibile con il cervello umano, oltre il tempo lineare, il mio lavoro dal titolo Ripetizione di tempo. L'eternità non sezionata spogliata dal suo contenuto religioso significa soltanto la solitudine infinita dell'anima, così la sua idea della linearità sacrale diventa un infinito ciclo profano, l'infinito ripetersi del tempo. La concezione ciclica del tempo nelle culture orientali è di carattere religioso, parte del tempo sacro, consacrato, ma per l'uomo occidentale che inconsciamente condivide la linearità temporale basata sulla cultura cristiana questo concetto del tempo è lontano ed inaccettabile. (non possiamo spogliarci della propria cultura).

0
Budapest Galeria 2010
Interiori 1. Budapest Galeria 2010
Budapest Galeria 2010
Interiori 2. Budapest Galeria 2010
Budapest Galeria 2010
Interiori 3. Budapest Galeria 2010

Contatto: H-1037 Budapest, Csatárka út 2/c | Ungheria - Mail: pasqualettieleonora@gmail.com
Életrajzi információk: artportal.hu-lexikon: Eleonóra Pasqualetti
A létezés aktusai - 1234 kilométer: artportal.hu/aktualis/hirek/baglyas-erika-a-letezes-aktusai
Copyright © 2010 Eleonóra Pasqualetti - Webdesign: András Alapfy: www.alapfy.de